Assicurazione terremoto: cos’è e quando va fatta?

Annuncio - Servizio Gratuito: 4,6 ⭐ su Trustpilot

È risaputo che l’Italia è un paese ad alto rischio sismico. Non è un caso infatti che, negli ultimi vent’anni, i terremoti che hanno causato gravi danni nel nostro paese, oltre che migliaia di morti e sfollati, siano stati più di uno.

In particolare, ricordiamo il sisma che ha colpito L’Aquila nel 2009 e altre potenti scosse sismiche che hanno interessato l’Emilia Romagna, l’Umbria e le Marche. Insomma, la terra trema spesso sulla superficie della penisola italiana e proprio per questo motivo può essere utile attivare un’assicurazione terremoto.

Va ricordato che questo tipo di polizza non è obbligatoria ma va attivata su base volontaria. Nel dettaglio, gli ultimi dati riportano che solo il 2% delle casa private sia coperto da specifiche assicurazioni, mentre il 5% delle abitazioni è coperto in caso di catastrofi naturali.

Vediamo insieme, nei prossimi paragrafi, in che cosa consiste la polizza terremoti, che cosa copre, quanto costa e quando si consiglia di farla.

Cos’è l’assicurazione terremoto?

Ogniqualvolta che un evento sismico si verifica in Italia, torna al centro dell’opinione pubblica la questione dell’assicurazione che copra i danni causati dagli eventi sismici.

In poche parole, si tratta di una polizza che garantisce alla persona che la attiva il risarcimento economico nel caso in cui la propria casa sia stata deteriorata in qualche modo da una scossa di terremoto. In questo modo la vittima ha la possibilità di affrontare una spesa minore per risistemare o ricostruire la propria abitazione. La copertura è valida anche se si vive in un condominio: in questo caso, la polizza copre i danni subiti sulla tua parte di proprietà.

Leggi il nostro articolo in cui spieghiamo come funzionano le assicurazioni per i condomini.

Cosa copre l’assicurazione terremoto?

Come accennato nei paragrafi precedenti, l‘assicurazione terremoto rappresenta una tutela contro i danni che possono essere causati da eventi catastrofici naturali e da scosse sismiche alle proprie abitazioni.

Si tratta di una polizza che garantisce un appoggio economico alle famiglie e alle persone vittime delle conseguenze di un terremoto o di un evento naturale. Chi è stato colpito avrà la possibilità di lasciare libera la zona che deve essere sgomberata da eventuali macerie ed essere trasferito provvisoriamente in un alloggio sicuro godendo di un budget dedicato alla ristrutturazione dell’immobile.

Oltre la ricostruzione dell’abitazione, questo tipo di assicurazione tutela anche i beni di vario tipo che si trovano all’interno dell’immobile, quindi elementi di arredamento o oggetti di varia tipologia che abbiano un qualche valore.

Per quanto riguarda il premio assicurativo, questo viene calcolato tenendo conto della pericolosità della zona in cui è situata un’abitazione. Nel dettaglio, nelle zone a basso rischio sismico, il calcolo viene effettuato partendo da una base di 2,5 euro al metro quadro. In maniera differente, per le case che si trovano in territori ad alto rischio sismico il calcolo parte da 4,5 euro al metro quadro. A ciò va aggiunta una cifra minima fissa. Questo tipo di polizza rientra tra le assicurazioni casa.

Nel dettaglio, l’assicurazione terremoti copre le spese:

  • utili alla demolizione, lo sgombero o al trasporto dei detriti causati dal sisma nella discarica
  • date dalla rimozione e al ricollocamento
  • per il sostegno, per il trasferimento e la permanenza in una struttura adibita all’accoglienza delle persone sfollate a causa del sisma
  • da versare a professionisti quali architetti, periti, consulenti e ingegneri che vengono contattati per effettuare sopralluoghi in modo da stilare la gravità dei danni
  • relative alle imposte di urbanizzazione che devono essere pagate al comune di appartenenza

Scopri come risparmiare sulle tue assicurazioni! Cosa aspetti?

Fatti Richiamare

Info


Invece, per quanto riguarda i danni che non sono coperti:

  • se superano i massimali indicati nel contratto della polizza
  • quelli ad abitazioni che sono dichiarate dal comune come beni culturali
  • i deterioramenti causati da eruzioni vulcaniche, inondazioni, maremoti o esondazioni. Ma anche quelli causati da esplosioni o radiazioni nucleari anche se sono una conseguenza diretta del sisma
  • gli effetti dannosi causati da un’interruzione della fornitura elettrica, ad eccezione che quest’ultima sia stata procurata dalle scosse di terremoto

Scopri di più sulle modalità di risarcimento danni delle assicurazioni casa.

Quanto costa in media l’assicurazione del terremoto?

Per via del profondo dibattito che c’è stato negli ultimi anni proprio sull’importanza di creare un’assicurazione casa terremoto, il costo di quest’ultima ha raggiunto cifre a dir poco onerose. Difatti, il premio annuale di questa polizza è di gran lunga superiore a quello di altre coperture.

Come accennato in precedenza, il premio viene calcolato partendo da un prezzo a metro quadro. Nello specifico, la cifra è pari a 2,50 euro a metro quadro per le abitazioni che si trovano in aree a basso rischio per salire a 4 euro al metro quadro per le zone considerate ad alto rischio sismico. Se vogliamo fare una stima approssimativa, possiamo affermare che il costo medio annuale di un’assicurazione terremoto si aggira intorno ai 200 euro. Una cifra che, se osservata nel suo complesso può sembrare corposa. In realtà si tratta di un investimento di poco più di 50 centesimi al giorno che può salvare l’assicurato da una serie di problemi, non solo economici, provocati dall’avvento di scosse sismiche.

Per richiedere l’attivazione dell’assicurazione, è necessario rivolgersi all’agenzia di riferimento presentando i seguenti documenti:

  • atto di proprietà dell’immobile
  • visura catastale dell’abitazione
  • documenti del proprietario di casa

I documenti elencati appena sopra servono a stimare il costo e a definire un preventivo da presentare al cliente.

Per quanto riguarda la scelta, le polizze terremoto che puoi attivare sono differenti. Tieni a mente che alcune tipologie di assicurazioni non coprono:

  • abitazioni che hanno già subito danni causati da terremoti
  • case che sono localizzate in aree considerate ad altissimo rischio sismico

In linea generale, la modalità più rapida per contattare le varie compagnie e capire quale contratto si addice maggiormente alle tue esigenze è consultare i siti online delle compagnie assicurative.

Quando è consigliato fare un’assicurazione terremoto?

Anche se esistono alcune zone considerate ad alto rischio sismico, è davvero difficile prevedere in maniera precisa il momento in cui si verificherà una scossa di terremoto. Ancora più complicato è stabilire i danni che questo evento procurerà alle strutture abitative. Ci teniamo a sottolineare che nel nostro paese le zone considerate ad elevato rischio sismico rappresentano circa il 44% dell’intera superficie della penisola, praticamente la metà del Paese. Parlando in termini di persone coinvolte, circa 21,8 milioni di italiani vivono in aree a rischio terremoto.

Dunque, tendenzialmente si consiglia di attivare un’assicurazione terremoti a tutte le persone che vivono in un’area considerata a medio o alto rischio sismico.

Ricorda che una polizza case terremoti reca una serie di benefici non indifferenti, in particolare:

  • sostegno economico e aiuto immediato a chi ha subito dei danni alla propria abitazione
  • copertura delle spese necessarie per la riparazione o la ricostruzione dell’immobile danneggiato dal sisma
  • garantisce la copertura delle spese di sgombero e demolizione per la fase che precede la ricostruzione dell’abitazione
  • indennizzo economico per il periodo che le persone sfollate a causa del terremoto devono trascorrere in un alloggio alternativo
  • la possibilità di beneficiare di un capitale economico nel caso in cui il soggetto stesso assicurato o un suo familiare subisca un grave infortunio fisico

Se vuoi approfondire l’argomento, ti consigliamo di visitare il sito ufficiale di IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) che puoi trovare a questa pagina.

Lascia i tuoi contatti per ricevere una consulenza gratuita!

Fatti Richiamare

Info

Aggiornato su 16 Gen, 2023

redaction La rédaction
Redactor

Matteo Bono

Redattore Energia

Commenti

bright star bright star bright star bright star grey star

En savoir plus sur notre politique de contrôle, traitement et publication des avis